Come utilizzare gli oli essenziali: la veicolazione

Come utilizzare gli oli essenziali: la veicolazione

Gli oli essenziali non possono essere utilizzati puri sulla pelle.

La tecnica cosmetica fornisce numerose formulazioni adatte alla solubilizzazione degli oli essenziali.

Erboristeria Magentina  ha finanziato presso i suoi laboratori uno studio, oggetto di una tesi di laurea, per la ricerca sistematica di veicoli per l’applicazione topica degli oli essenziali.

Sono stati valutati un oleolita, un unguento, una emulsione, un gel di aloe, uno shampoo e una soluzione idroalcolica.

L’olio vegetale o una miscela di oli vegetali sono risultati il veicolo che può supportare la più alta percentuale di olio essenziale ed è anche quello più facile da preparare, anche in casa.

L’unguento è in grado di veicolare fino al 30% di olio essenziale, al di sopra di questa quantità la viscosità non è più accettabile.

La crema, base studiata per incorporare oli essenziali, ne può contenere fino al 15%.

Il gel di aloe e lo shampoo invece, non contenendo fase grassa, possono accogliere al massimo lo 0,5% di olio essenziale, e comunque perdono limpidezza e viscosità.

Il nostro studio procede con una seconda fase nella quale saranno eseguite prove di cessione, per valutare quale veicolo permette un migliore passaggio di olio essenziale.

Per quanto riguarda l’assunzione orale la cosa migliore è utilizzare una soluzione alcolica, ma la quantità di olio solubilizzata dipende dalla gradazione alcolica.

Le Tinture sono un ottimo veicolo per uso orale, perché agiscono in sinergia con l’olio essenziale, ottimizzando la loro azione.

Per esempio, per la digestione Tintura di Cardo Mariano e di Curcuma con Olio Essenziale di Rosmarino, oppure per dolori articolari Tinture di Equiseto, Artiglio del Diavolo e Olio Essenziale di Zenzero.